La boa “anti-salvataggio”

Di | 13 marzo 2019

Davanti ad una richiesta di aiuto, l’obiettivo sarebbe quello di aiutare l’altra persona a lungo termine, piuttosto che mantenerla in uno stato di dipendenza che non le permette di acquisire gli strumenti per cavarsela da sola nel futuro.

Secondo Jean-Pierre Testa, consulente Cegos Francia, un approccio in stile “Boa anti- salvataggio” permette di offrire al proprio interlocutore i mezzi per trattare correttamente i problemi e diventare autonomo nell’affrontarli, senza limitarsi ad offrire una soluzione “fatta e finita”.

Vediamo questo approccio, strutturato in 5 domande da porsi prima di offrire il proprio aiuto.

boa anti salvataggio

Le 5 domande da porsi prima di intervenire

Per evitare di “legare” l’interlocutore al tuo intervento, ecco le 5 domande chiave da porti che ti aiuteranno nell’impresa:

Domanda 1: “Ha una richiesta effettiva e chiara?”

Si consiglia di verificare che la persona in questione abbia una richiesta effettiva e di fargli spiegare chiaramente la sua necessità. La risposta a questa prima domanda rende possibile porre la domanda 2.

Consiglio sulla richiesta di aiuto: riformula la tua comprensione della richiesta: “…se ho capito bene, ti aspetti che io…”.

Domanda 2: “È di mia responsabilità?”

Se la persona chiede aiuto quando la richiesta non è sotto la tua responsabilità o ruolo, è bene aiutare a chiarire il proprio ambito di competenza e suggerire all’interlocutore di rivolgersi alla persona più adatta.

Consiglio sul ruolo: Affronta il discorso con “nella mia posizione potre…”.

Domanda 3: “Ne ho la capacità?”

Assistere efficacemente l’altro può voler dire intervenire direttamente, se si hanno le capacità, o indirizzare l’interlocutore a risorse competenti.

Consiglio sulle modalità di aiuto: prosegui illustrando le tue future azioni “con le mie conpetenze posso aiutarti in questo modo…”

Domanda 4: “Sono pronto a fare solo una parte del lavoro?”

Aiutare l’altro non significa lavorare al posto suo. Ognuno ha il compito di assumersi i rispettivi impegni per risolvere il problema.

Consiglio sui rispettivi impegni: suggerisci una definizione dei task “ecco cosa potrei fare io e cosa potresti fare tu…”.

Domanda 5: “Posso occuparmene ora?”

Un aiuto efficace richiede disponibilità e ascolto. È consigliabile valutare se ci si trova in una situazione appropriata per offrire il proprio supporto oppure no: sarà quindi necessario decidere se affrontare subito la questione o accordarsi con il proprio interlocutore per discuterne in un momento successivo.

Consiglio sul momento scelto per offrire il supporto: domandagli “Quanto tempo impiegheremo per rispondere alla tua richiesta? Quando sei disponibile e quanto è urgente?”.

Suggerimenti conclusivi:

  • Concedere il proprio aiuto richiede la formulazione di un accordo chiaro con l’interlocutore.
  • Rendi il tuo interlocutore autonomo in modo progressivo, in modo da non destabilizzarlo.

 

Altri focus sullo stesso tema

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti