Abbandonare la propria comfort-zone con coraggio e resilienza

Di | 24 luglio 2017

Marta V. ha compiuto da poco 40 anni e, quasi contemporaneamente ai regali di compleanno, ha ricevuto un importante riconoscimento nell’azienda in cui lavora. Dopo 8 anni di lavoro nell’ufficio amministrativo, le viene proposta una promozione al ruolo di responsabile del recupero crediti.

Soddisfazione, gioia, realizzazione ben presto lasciano il campo ad ansia, incertezza e paura.

Nuovo ufficio, capo, colleghi, responsabilità, ruolo, interlocutori, obiettivi, KPI, rischi, orari di lavoro e probabilmente, un difficile periodo di adattamento da conciliare con gli impegni familiari, derivanti da marito e figli.

Marta si trova in una zona di confine tra il “noto” e l’”ignoto” di fronte all’importante scelta circa l’abbandono della propria zona di comfort. Note sono le proprie capacità all’interno della zona di comfort, ignote sono le capacità al di fuori: è necessario far leva su ciò che pensa di poter fare, piuttosto che trarre giovamento dall’osservare l’operato quotidiano, ormai svolto con competenza, sicurezza e serenità.

 resilienza

Resilienza

Quando viviamo in prima persona il cambiamento sottostimiamo la resilienza – capacità di affrontare un periodo di turbolenza e riconquistare a posteriori il nostro equilibrio precedente. Non abbiamo abbastanza fiducia nelle nostre capacità di adattamento e flessibilità, nella capacità di affrontare le sfide con coraggio e soprattutto, tendiamo a sopravvalutare la gravità del cambiamento, ovvero le probabilità che il “negativo” si avveri. Sottovalutiamo il valore dell’aiuto che possiamo ricevere e la quantità di risorse esterne che possiamo attivare per supportarci durante la fase di transizione.

Semplificando, durante il cambiamento spesso la nostra lettura della situazione è distorta: ridimensioniamo la percezione delle risorse interne e enfatizziamo la percezione del rischio e delle difficoltà legate al nuovo scenario.

Come affrontare la situazione e valutarla in maniera oggettiva, giungendo ad una decisione che sia molto probabilmente (non sicuramente) corretta?

Piano d’azione

Schematicamente, possiamo procedere con un’auto-analisi in-out, chiedendoci:

  • IN: quali competenze posseggo?
  • OUT: quali nuove competenze mi saranno richieste?

 Stesura del piano d’azione formativo

  • IN: quanto del successo dipenderà da me?
  • OUT: quanto il successo sarà esposto a fattori esterni a me?

  Valutazione della propria sfera d’influenza

  • IN: Quale sacrificio mi sarà richiesto? Saprò sostenerlo?
  • OUT: Quali risorse esterne potranno aiutarmi? Saprò attivarle?

 Valutazione del carico di lavoro

  • IN: Quale impatto avrà questo cambiamento su ciò che mi circonda?
  • OUT: Quanto le risorse attorno a me sapranno adattarsi?

 Coinvolgimento del network personale

  • IN: Quali sviluppi potranno seguire a questo cambiamento?
  • OUT: Quali impedimenti potrebbero interporsi verso il raggiungimento di nuovi traguardi?

 Valutazione e definizione del follow-up

 

Spunti di riflessione

Affrontando momenti di cambiamento ed essendo sottoposto a forte stress:

  1. Quanto è stato importante definire un piano di formazione personale per pianificare l’acquisizione delle nuove competenze necessarie?
  2. Quanto sei riuscito a pianificare il carico di lavoro ed a seguire conseguentemente tale pianificazione?
  3. Quanto si è rivelato importante il contributo delle risorse circostanti?
  4. Quanto sei riuscito a dar seguito al previsto follow-up?

 

Se stai affrontando un periodo di grandi cambiamenti e desideri dare il meglio di te per affrontarli, scopri il programma del corso “Self empowerment: riconoscere il proprio potenziale e tradurlo in performance“.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *