Come gestire lo Stress: due differenti approcci

Di | 20 febbraio 2018

In un mio precedente articolo, mi sono permesso di fare chiarezza sul significato e sulle cause di quello che ho definito un nostro “compagno di avventura” quotidiano: lo Stress. Desidero ora analizzare i due principali approcci attraverso i quali la ricerca si è occupata di questo fenomeno così rappresentativo.

gestire lo Stress

Gestire lo Stress: l’approccio fisiologico

Hans Selye, medico canadese, considerato “il padre dello stress”, effettua dei lavori su degli animali e mette in evidenza l’esistenza di una sindrome da stress biologico. Lo studioso riprende una nozione di fisica: si parla di stress di una struttura metallica, per esempio, per evocare il comportamento di tale struttura sottoposta a una coercizione.

Lo stress è considerato come una risposta dell’organismo a una richiesta che gli venga fatta. Selye distingue due livelli di risposta:

  • La SLA (sindrome locale da adattamento) che corrisponde alla manifestazione dello stress in una parte del corpo.
  • La SGA (sindrome generale da adattamento) tocca l’organismo nel suo complesso. La SGA è la risposta data al fattore di stress e si traduce in un insieme di modificazioni biologiche responsabili di diverse manifestazioni sintomatiche, funzionali e organiche.

La risposta dell’organismo allo stress si realizza attraverso 2 sistemi di difesa:

  • Il sistema nervoso.
  • Il sistema endocrino (ormoni).

Gestire lo Stress: approccio psicologico

In questa prospettiva, sono tre gli aspetti da tenere in considerazione :

  • Le distorsioni cognitive
  • La realtà od ogni avvenimento esteriore non è che il fattore iniziale scatenante lo stress.
  • Lo stress ha la sua origine in una cattiva valutazione della realtà.

 

Siamo dunque noi stessi a generare lo stato di stress, anche attraverso il fenomeno dei “pensieri irrazionali”

 

Pensieri irrazionali ovvero credenze o principi della nostra cultura e della nostra educazione che condizionano i nostri comportamenti e la nostra visione della realtà.
Così, questi pensieri irrazionali limitano il nostro potere di adattamento all’ambiente.

Una situazione diviene fonte di stress solamente se la si percepisce così.
I pensieri superano spesso largamente la realtà.

Questi approcci ci confermano che siamo un “sistema” in cui corpo e mente sono intrinsecamente collegati: nel mio prossimo contributo alcuni consigli pratici per gestire lo stress.

 


 

In attesa del terzo contributo legato al tema, misura la tua percezione dello stress con il test autovalutativo Cegos. Vai al programma del corso “Intelligenza emotiva e gestione dello stress“ se desideri un supporto per imparare a gestire le emozioni e migliorare le tue relazioni.

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti